Togliere la Puzza di Fumo di Sigaretta e Fuliggine

StopOdor EcoSmoke

Photo credit: Ronald Peret / Foter / CC BY

Puzza di fumo? Non c’è nulla di più fastidioso della puzza di fumo, dirà chi non è mai stato fumatore.

Il divieto di fumo entrato in vigore negli anni precedenti riguardante i locali pubblici deve aver pensato a quanti, anche fumatori peraltro, non amano dover mangiare in un locale impregnato di puzza di fumo.

Impregnato è la parola giusta. La puzza di fumo ha la singolare caratteristica di venire assorbita dai tessuti, gli abiti che indossiamo, dalla pelle e dai capelli. Bastava e basta entrare in un locale qualsiasi dove si fuma e si rimane con la puzza di fumo addosso per giorni.

Poi ha la caratteristica di essere forte e immediatamente percepibile. La puzza di fumo fatica ad andarsene e in un contesto chiuso dove nessuno fuma, basta che solo una persona inizi, anche lontano da dove ci si trova, per sentirne a distanza la sua puzza di fumo.

Puzza di fumo può però voler significare altro, qualcosa che è solo in parte legato alla sigaretta pur non essendo meno importante: la fuliggine. Perché se forse l’odore è diverso dalla puzza di sigaretta, anche quello di fuliggine è una puzza di fumo che sa essere persistente e penetrante.

Avete bruciato qualche carta involontariamente, avete un caminetto appena spento, non è stato sufficiente arieggiare il locale e ora avete ospiti che sentono lo stesso odore che sentite voi, con il costante dubbio che qualcosa stia andando in fumo. Due facce della stessa puzzolente medaglia: andato via il fumo, la sua puzza rimane.

Puzza di fumo

Photo credit: FailedImitator / Foter / CC BY-SA

Quando si affronta la questione sigaretta, solitamente sono tre le strade che il nostro animo percorre.

  1. Una riguarda la salute: non possiamo impedire alle persone di intossicarsi ma è giusto chiedere che non intossichino gli altri, chi ha scelto di non fumare non vuole correr gli stessi rischi di chi, invece, non riesce a smettere di fumare;
  2. La seconda riguarda il vizio: chi fuma semplicemente non riesce a farne a meno e spesso abbandona a metà tutti i percorsi per smettere di fumare;
  3. La terza, invece, è la puzza di fumo, un argomento che trova d’accordo anche chi fuma: Dopo l’entrata in vigore della legge, in Italia, che vietava il fumo nei locali pubblici anche chi fuma si è scoperto felice di farne a meno, scoprendo inoltre che il cibo di un ristorante è più buono se isolato dalla puzza di fumo. Olfatto e gusto vanno sempre in sintonia.

Per quest’ultima parte della questione, il problema spesso esce dai locali pubblici e si fa casalingo. Il rientro a casa da una serata con amici spesso si trasforma nel rientro di una piccola miniera di puzza di fumo. Impregnata, come abbiamo visto, nei vestiti, viene portata in giro per le varie stanze della casa, tutto dove il rientrante passa.

Dove “combattiamo” maggiormente la puzza di fumo?

Appartamenti: I posti più frequenti sono gli appartamenti. La puzza di fumo in casa, soprattutto nei piccoli appartamenti, ci si ritrova spesso a dover letteralmente “combattere” contro la puzza di fumo ma senza uscirne vincitori! Possiamo aprire finestre, porte, ma cambia poco, la puzza di fumo persiste.

Automobili: La puzza di fumo in auto è qualcosa che veramente sembra mai non andar via! Anche se cerca di aprire i finestrini in pieno inverno, vedremo spesso le facce disgustate di ci sta con noi in macchina!

Locali: Molto spesso, in alcuni locali dove è permesso fumare, come per esempio in alcune sale “Bingo” per fumatori, si respira un aria veramente da maschera a gas!

Quali sono i rimedi per la puzza di fumo?

Puzza di sigaretta

Photo credit: Gianni Dominici / Foter / CC BY-ND

La sua persistenza è destinata a durare per giorni. Dopo doccia e shampoo la puzza di fumo che si ha addosso si può dire sparita, ma i vestiti? La soluzione migliore, quella più immediata, è di mettere sul balcone i vestiti a fargli prendere aria: il rimedio della nonna più efficace per eliminare la puzza di fumo dagli abiti.

Ma non sempre è possibile. Che ne dite di farlo in inverno? Se si può lavare subito ogni capo d’abbigliamento per eliminare del tutto la puzza di fumo e poi reindossarlo come nuovo, un cappotto, un giaccone o un piumino, sono capi che non si lavano tanto spesso e che, comunque, spesso affidiamo alla lavanderia. Ma ipotizziamo che dobbiamo rindossarlo il giorno dopo, che si fa? Si lascia una notte in balcone, risponderete. E se si è d’inverno? Siete davvero disposti a rimettere addosso un cappotto o un piumino che ora sono freddi per essere stati all’aperto tutta la notte, solo per eliminare la puzza di fumo? Molti, ora, risponderanno di no.

Come risolvere il problema della puzza di fumo?

PRODOTTO CONSIGLIATO PER LA PUZZA DI FUMO: Scopri EcoSmoke