Pipì di Gatto: Modificare i comportamenti di Marcatura del Gatto!

Pipì di Gatto Modificare i comportamenti di Marcatura del Gatto

Pipì di Gatto: Secondo i veterinari, che si occupano di medicina comportamentale, la marcatura del gatto e l’abitudine alla marcatura verticale, viene consolidata nei dieci giorni successivi al primo episodio, tale comportamento non è più recuperabile, nemmeno con la castrazione, che diminuisce il testosterone prodotto dal micio, ma non lo elimina totalmente, e nemmeno rimuove la sgradevole abitudine acquisita dal nostro gatto.

Eppure, è possibile intervenire in maniera efficace, ecologica e nel pieno rispetto del benessere dell’animale, per rimodulare tali comportamenti!

Questo articolo è imperniato su un caso di successo evidenziato da una affezionata cliente dopo aver l’acquisto dei nostri prodoti per risolvere i problemi della pipì di gatto; lei stessa, per prima, non sperava in risultati così eclatanti, ed a seguito degli articoli pubblicati precedentemente sulla marcatura del gatto, abbiamo deciso di pubblicare la sua storia in questo spazio. Ecco il suo racconto, che ci ha affidato in una recente mail.

upquote-whiteLa situazione di partenza in casa mia era drammatica. Vivo con otto gatti in casa, quattro maschi e quattro femmine, tutti integri. Ho un piccolo allevamento di gatti persiani da esposizione, e quindi non sterilizzo i miei esemplari. Non ho mai avuto problemi di marcatura da parte dei maschi, fino a quando è morto l’anziano maschio capostipite della mia discendenza. In quel momento, si è come rotto un equilibrio interno alla gerarchia felina. Tra gli altri maschi, giovani esemplari tra i due e cinque anni, tutti sessualmente attivi, si è scatenata la lotta per il dominio della famiglia felina, che precedentemente era incarnata dal vecchio maschio anziano. Non tanto in termini di competizione tra di loro, quando in termini di marcatura del territorio. Facevano pipì ovunque, spruzzando contro divani, tavoli, sedie, armadi. Ho tentato anche con i diffusori a base di feromoni, per tranquillizzarli, ma non è servito a molto. E poi, l’odore insopportabile, per me che non ero abituata a questo strano comportamento. Ho provato qualsiasi rimedio conosciuto, candeggina, aceto, profumi ed essenze, senza risultato. Il comportamento della marcatura continuava nonostante i miei sforzi. Ho provato attrattivi e repellenti senza esito. Quando ho scoperto i prodotti StopOdor ero scettica, come tante persone nella mia situazione possono essere, è comprensibile. Ho ordinato il kit completo per trattare pavimenti, tessili e lo spray UF2000. Il pacco è arrivato subito, non vedevo l’ora di mettere alla prova i nuovi prodotti. E quando l’ho fatto, sono rimasta assolutamente allibita dalla loro efficacia! Il prodotto per i tessili ha finalmente rimosso dai divani l’odore che non riuscivo ad eliminare. Il detergente per pavimenti non solo elimina ogni odore all’istante, ma ha proprietà di restauro e recupero dei pavimenti anche macchiati! Lo spray UF2000 poi, non mancherà mai più in casa mia. Lo spruzzo anche nell’ambiente. E’ totalmente inodore, ma come per magia, dissolve istantaneamente ogni odore presente nell’aria!
La grande e vera notizia, per me, è un’altra. I prodotti stanno veramente modificando le abitudini radicate nei gatti maschi!
Da circa una settimana, il maschio più “tremendo”, che spruzzava anche camminando (mi faceva impazzire…) si è messo a fare di nuovo la pipì accucciato senza più  marcare le superfici verticali!
Adesso fa pipì solo sulle superfici orizzontali.
E’ un cambiamento epocale! NIENTE, a detta dei veterinari,  è mai stato capace di eliminare questi comportamenti nei gatti maschi che spruzzano!!! Nemmeno la castrazione!!
Non perché lo dico io, sulla mia esperienza, ma la marcatura verticale è sempre stata considerata un comportamento non modificabile. Se si riesce ad eliminare la marcatura verticale, e si riconduce al fare pipì sulle superfici orizzontali, il discorso diventa gestibile, perché questo secondo comportamento è legato a fattori emotivi (ad esempio, ad uno scarso gradimento del tipo di lettiera) ed è risolvibile completamente.
Ringrazio StopOdor per la serietà con cui commercializza prodotti assolutamente inimitabili, e per le vostre news che mi hanno fatto comprendere, e sperare, in un pieno recupero del comportamento del mio gatto

La testimonianza di questa cliente e lettrice dimostra in maniera inequivocabile che i circa 220 milioni di recettori olfattivi dei gatti (a differenza dei 10 milioni presenti nell’uomo) hanno il potere di trasmettere al micio dei “messaggi subliminali” tramite i feromoni, e che quando si elimina completamente l’odore (senza coprirlo!, e per “completamente” si intende proprio la disintegrazione della molecola odorosa, secondo il principio d’azione della linea StopOdor)  questi “messaggi”, scomparendo,  non disturbano più i nostri gatti, che rientrano nei loro comportamenti “normali”.

Il segreto è, ancora una volta, la totale distruzione della molecola odorosa, con risultati indubbiamente superiori, nemmeno equiparabili all’azione di pulizia realizzabile con l’ausilio dei tradizionali detergenti o prodotti chimici.

StopOdor - Pipì di Gatto - Marcatura del Gatto

Ma perché la pipì di gatto puzza?

Abbiamo visto nel precedente articolo che la causa del caratteristico odore di pipì di gatto è dovuto alla felinina, un amminoacido presente nel metabolismo del gatto come precursore di un feromone a base zolfo, quindi caratterizzato da un forte odore pungente.
Scoperta nel 1951, la felinina è presente sia nei maschi che nelle femmine, compresi gli esemplari castrati, anche se con livelli molto diversi, che sembrano apparentemente legati al testosterone. Ad esempio, nel gatto si rileva una produzione di 95 mg nelle 24 ore nei maschi integri, 29 mg nei maschi castrati, 19 mg nelle femmine e 13 mg nelle femmine sterilizzate.

La felinina è sintetizzata dal fegato, si trova in forma combinata nel sangue del gatto e si separa nei suoi componenti quando arriva all’apparato urinario, per azione del metabolismo renale. Dai reni, la felinina viene emessa con l’orina. E’ considerata  il primo marcatore territoriale; infatti, è altamente odoroso ed è il precursore di altri composti solforati altrettanto odorosi, prodotti dalla sua decomposizione Una volta emessa, la molecola inizia a degradarsi rapidamente emettendo un forte odore caratteristico che deriva dalla presenza di zolfo. Dal punto di vista funzionale, quindi, si suppone che sia legata alla marcatura del territorio.

Dopo la scoperta del modo in cui si sposta all’interno dell’organismo, gli studi sulla felinina sono volti a capire quali funzioni abbia esattamente la felinina e cosa comunichi agli altri gatti, e , soprattutto, come sia possibile neutralizzarne l’odore, particolarmente sgradevole per gli umani.

Problemi con la pipì di gatto? StopOdor ha trovato per te la soluzione ai problemi di marcatura del gatto!

StopOdor ha già la risposta per la puzza di pipi di gatto e ii problemi di marcatura del gatto!

PRODOTTO CONSIGLIATO PER LA PIPì DI GATTO: Scopri UF2000